[ Anno 17° - Martedì, 25 Luglio 2017 - 2:32 ]

Attualità e società e pari opportunità

I fatti, gli avvenimenti, i cambiamenti sociali, la cronaca che coinvolgono il variegato mondo delle donne

Attualità e Società

16 Maggio 2014

Firmiamo l'appello di Amnesty per Meriam Yehya Ibrahim condannata a morte per apostasia

L'11 maggio 2014, un tribunale di Khartoum ha condannato a morte Meriam Yehya Ibrahim di 27 anni e incinta all'ottavo mese di gravidanza per apostasia e alle frustrate per adulterio.

Firmiamo l'appello di Amnesty per Meriam Yehya Ibrahim condannata a morte per apostasia

Di fronte a certi accadimenti non possiamo stare con le mani in mano, scandalizzarci e fare commenti. E' necessario agire. Per questo vi invitiamo a firmare l'appello di Amnesty International.

Di seguito l'articolo ripreso dal sito di Amnesty e da dove a questo link potete firmare l'appello

 

Meriam Yehya Ibrahim, donna sudanese di 27 anni, di fede cristiana e all'ottavo mese di gravidanza, è condannata a morte per apostasia e alle frustate per adulterio. È una prigioniera di coscienza ed è  attualmente in carcere col suo primo figlio di 20 mesi.

L'11 maggio 2014, un tribunale di Khartoum ha condannato a morte Meriam Yehya Ibrahim per apostasia e alle frustrate per adulterio. Il tribunale aveva dato alla donna tre giorni per rinunciare alla sua fede, ma la donna si è rifiutata.
Era stata arrestata e accusata di adulterio nell'agosto del 2013 dopo che un suo familiare avrebbe riferito che la donna stava commettendo adulterio perché aveva spostato un uomo di fede cristiana del Sud Sudan.

Secondo la legge della Shari'a, così come applicata in Sudan, a una donna musulmana non è permesso sposare un uomo non musulmano e questo matrimonio è considerato adulterio. Il tribunale ha aggiunto l'accusa di apostasia nel febbraio del 2014, quando Meriam ha affermato di essere cristiana e non musulmana. Meriam sostiene di essere stata educata da cristiana ortodossa, la religione di sua madre, perché suo padre, un musulmano, era assente durante la sua infanzia.
Il codice penale sudanese prevede, all'articolo 146, un massimo di 100 frustate per adulterio; l'articolo 126 prevede la pena di morte qualora vi fosse il rifiuto di rinunciare alla fede cristiana.

Considerare l'adulterio e l'apostasia come reati di natura penale non è conforme al diritto internazionale dei diritti umani, tra cui il Patto internazionale sui diritti civili e politici di cui il Sudan è parte. Inoltre, considerare l'adulterio un reato viola i diritti alla libertà di espressione e di associazione e discrimina sempre le donne nella sua applicazione. Parimenti, la criminalizzazione dell'apostasia è incompatibile con il diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione.
Meriam Ibrahim, pertanto, è una prigioniera di coscienza, condannata solo per la religione che ha scelto di professare e per la sua identità e deve essere rilasciata immediatamente e senza condizioni.

La pena alla fustigazione viola il divieto assoluto di tortura e altri maltrattamenti del diritto internazionale dei diritti umani. Amnesty International considera la pena di morte una punizione estrema, crudele, disumana e degradante e una violazione del diritto alla vita, e si oppone al suo ricorso in tutti i casi e senza eccezioni, a prescindere dalla natura del reato.

La redazione

Condividi su Facebook

Ritratti di donne

Leggi gli altri Ritratti di donne ->

Vuoi pubblicare articoli, news, comunicati su DonneInViaggio? Registrati

Se sei già registrata/o vai al Login

DonneInViaggio.com
Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere informata/o sugli aggiornamenti della rivista

News ed Eventi

Leggi altre news ed eventi ->

Libri

Leggi altre Libri ->

Info Rivista

Rivista a cura
dell'Associazione DonneInviaggio

Direttrice Editoriale: Mary Nicotra

Direttrice Responsabile: Elena Vaccarino

Registrazione Tribunale di Torino N° 5466 del 21.12.2000

Tutti i diritti riservati. E' proibita ogni riproduzione anche parziale di testi e immagini senza autorizzazione scritta.

Sito realizzato da: Maurizio Scarpino