[ Anno 21° - Giovedì, 02 Dicembre 2021 - 23:38 ]

07 Aprile 2011

Freud e il desiderio dello Psicoanalista

Tavola Rotonda a Roma - Venerdì 8 aprile

“Di vero, forse, c’è una sola cosa – il desiderio di Freud. Il fatto cioè che qualcosa, in Freud, non sia mai stato analizzato” (J.Lacan – Il Seminario, Libro XI). Uno dei punti di maggiore interesse nel campo della psicoanalisi è l'analisi dell'analista, mettere a nudo istanze e desideri di chi si, per professione, si accosta alla psiche di un altro uomo/donna per mettere in evidenza un substrato nascosto. L'otto aprile, in via Palestro 23 (Roma) due filosofi e due psicoanalisti discuteranno del ruolo del desiderio dello psicoanalista nel percorso analitico, interverrà dalla Francia Serge Cottet, Membro dell'École de la Cause freudienne e dell’Associazione Mondiale di Psicoanalisi e Maître de conférences presso l’Università di Parigi VIII mentre a moderare l'incontro interverrà Sergio Sabbatini, Psicoanalista dell'Associazione Mondiale di Psicoanalisi e della Scuola Lacaniana di Psicoanalisi. I due filosofi che si confronteranno su questo tema sono: Felice Cimatti, docente di filosofia del linguaggio e Stefano Velotti, docente di Estetica. L'appuntamento è l'8 aprile alle ore 20:30 (via Palestro 23 . sala delle suore figlie di maria immacolata).

Daniele Di Giovanni

Condividi su Facebook

Ritratti di donne

Leggi gli altri Ritratti di donne ->

Vuoi pubblicare articoli, news, comunicati su DonneInViaggio? Registrati

Se sei già registrata/o vai al Login

DonneInViaggio.com
Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere informata/o sugli aggiornamenti della rivista

Articoli

Leggi gli altri articoli ->

Libri

Leggi altre Libri ->

Info Rivista

Rivista a cura
dell'Associazione DonneInviaggio

Direttrice Editoriale: Mary Nicotra

Direttrice Responsabile: Elena Vaccarino

Registrazione Tribunale di Torino N° 5466 del 21.12.2000

Tutti i diritti riservati. E' proibita ogni riproduzione anche parziale di testi e immagini senza autorizzazione scritta.

Sito realizzato da: Maurizio Scarpino