[ Anno 19° - Sabato, 19 Gennaio 2019 - 20:35 ]

Turiste per passione

Itinerari, reportage di viaggio, curiosità e notizie del mondo

Turiste per passione

06 Novembre 2011

La leggenda dei Krampus

Appuntamento con la tradizionale sfilata di San Nicolò e i suoi “diavoli”

La leggenda dei Krampus

Paura, ma soprattutto tanto divertimento in occasione della festa prenatalizia più infernale che c’è.
Per chi volesse o potesse fare il ponte dell'8 di dicembre, ecco un'idea diversa dal solito per portare a i propri figli a fare un giro senza che si lamentino tutto il tempo.
La leggenda dei Krampus, orgogliosamente tramandata da secoli torna anche quest’anno, mercoledì 7 dicembre 2011 a Campo Tures nella Valle di Tures e Aurina, in provincia di Bolzano. Un corteo composto da 500 diavoli dalle gigantesche corna e logore pellicce sfilerà seguendo la slitta di San Nicolò dalle 19 in poi per le strade di Campo Tures.
 Si tratta di una vecchia storia che i nonni raccontano ai più piccoli. Tanto tempo fa, in un paesello di montagna il cibo scarseggiava e alcuni fanciulli decisero di depredare i villaggi vicini.
Per non farsi riconoscere si travestirono da Krampus, mostruosi esseri per metà uomini e per metà caproni. Abbigliati con pellicce, corna, zoccoli di capra e raccapriccianti maschere, si diressero all’imbrunire, nel paese confinante, dove fecero risuonare pesanti campanelli, legarono alcuni abitanti con delle corde e rubarono loro tutte le provviste.
I ragazzi erano davvero crudeli, la loro anima più cupa del carbone, vagavano seminando panico tra tutti quelli che incontravano. Un giorno, però, si resero conto che uno di loro, il più spietato, era un impostore.
Egli, con le sue ricurve corna nere era il diavolo in persona che approfittando dei loro travestimenti era riuscito a confondersi nel gruppo e a compiere i più crudeli misfatti. I monelli, terrorizzati, chiesero aiuto al vescovo di Mira, Nicola, che accettò di soccorrerli e sconfisse l'inquietante presenza diabolica. Scampato il pericolo, i giovani impararono a rispettare i loro vicini e promisero di non derubarli mai più. Si decise di ricordare ogni anno l’accaduto con una festa e proprio così nacque la leggenda dei Krampus. Ancora oggi grandi e piccini amano farsi spaventare in occasione di questa magica notte.
Il 7 dicembre a Campo Tures l’inizio della sfilata sarà annunciata, come di consueto da urla infernali, tintinnii di campanacci, risate malvagie, suoni di corni e trombe. Naturalmente, non potrà mancare San Nicolò che, con la sua lunga barba bianca, proteggerà i bambini e i passanti dai dispetti dei feroci diavoletti. La festa continuerà nelle strade del centro fino a notte fonda. Per i “veri” appassionati di Krampus è stata dedicata un’intera area nel museo Maranatha, il Museo dei Presepi.
Le maschere (come anche i presepi) sono dei veri e propri “gioielli in legno” e dimostrano la notevole abilità manuale degli abitanti del luogo, che hanno fatto dell’intaglio una vera e propria arte. Le due aree sciistiche della Valle  Aurina Speikboden e Klausberg,  inaugurano la stagione il 3 dicembre 2011.

Per informazioni: Consorzio turistico Area Vacanze Valli di Tures e Aurina - www.tures-aurina.com

 

Condividi su Facebook

Ritratti di donne

Leggi gli altri Ritratti di donne ->

Vuoi pubblicare articoli, news, comunicati su DonneInViaggio? Registrati

Se sei già registrata/o vai al Login

DonneInViaggio.com
Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere informata/o sugli aggiornamenti della rivista

News ed Eventi

Leggi altre news ed eventi ->

Libri

Leggi altre Libri ->

Info Rivista

Rivista a cura
dell'Associazione DonneInviaggio

Direttrice Editoriale: Mary Nicotra

Direttrice Responsabile: Elena Vaccarino

Registrazione Tribunale di Torino N° 5466 del 21.12.2000

Tutti i diritti riservati. E' proibita ogni riproduzione anche parziale di testi e immagini senza autorizzazione scritta.

Sito realizzato da: Maurizio Scarpino