[ Anno 21° - Giovedì, 02 Dicembre 2021 - 23:50 ]

Attualità e società e pari opportunità

I fatti, gli avvenimenti, i cambiamenti sociali, la cronaca che coinvolgono il variegato mondo delle donne

Attualità e Società

25 Novembre 2010

Rapporto dei Centri antiviolenza dell'Emilia Romagna

Le associazioni del Coordinamento presentano i dati raccolti in un anno di lavoro per la lotta al fenomeno della violenza alle donne

Rapporto dei Centri antiviolenza dell'Emilia Romagna

Il Coordinamento, nato con lo scopo di costruire un’identità comune che sviluppi progettualità e visibilità dei Centri antiviolenza e delle Case delle donne della regione Emilia-Romagna, è costituito da 10 associazioni che condividono formazione, buone prassi, confronto metodologico, progetti e campagne di sensibilizzazione per il contrasto alla violenza alle donne e alle/i loro bambine/i. La principale attività di ogni singolo Centro a livello locale resta tuttavia il lavoro di accoglienza e di ospitalità alle donne vittime di violenza. Da un decennio i centri antiviolenza lavorano in rete per portare all’emersione del fenomeno della violenza maschile sulle donne agita all’interno della famiglia. Una violenza che rivela come ancora oggi esista  una disparità di potere tra uomini e donne. Svelare quello che avviene “nelle segrete stanze” non solo rafforza le vittime, ma restituisce loro la parola e possibilità di azione, ridimensionando il potere di controllo e minaccia di chi agisce il maltrattamento.

Nel 2011 saranno divulgati i dati statistici sulla violenza e il maltrattamento alle donne raccolti all’interno del progetto “Osservatorio regionale sulla violenza alle donne in Emilia-Romagna”. Il progetto – che  coinvolge i centri aderenti al Coordinamento e altri soggetti del privato sociale che si occupano di violenza alle donne – è finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, ed è la quarta indagine conoscitiva realizzata nella nostra regione.

I dati raccolti dai Centri antiviolenza ogni anno denunciano che le violenze nei confronti delle donne sono agite nell’80% dei casi dal partner o ex partner, o comunque da una figura maschile che rientra nella sfera parentale o amicale. La decisione di separarsi può esporre le donne a un aumento di intensità delle violenze, perciò è necessario costruire insieme a loro piani di protezione che prevedano anche il ricorso agli strumenti di legge volti a contenere i maltrattanti: ad esempio l’ ordine di allontanamento e l’ammonimento attraverso la legge contro lo stalking.

I dati sulle uccisioni delle donne  (raccolti dalla Casa delle donne per non subire violenza di Bologna) denunciano dal 2005 un aumento progressivo dei femminicidi in  Italia: 101 nel 2006, 107 nel 2007, 113 nel 2008, 119 nel 2009. L’estate 2010 è stata caratterizzata da una sequenza quasi quotidiana di donne assassinate perché avevano rifiutato una relazione o avevano deciso di separarsi. In Emilia-Romagna sono avvenuti fatti gravissimi nell’ottobre scorso: l’assassinio di Begum Shahnaz e l’aggressione violenta alla figlia  Nosheen. E ancora,  le violenze a donne nei giorni scorsi a Imola, Modena e l’arresto a Bologna di un uomo che ha assassinato la compagna in Calabria.

A fronte di un fenomeno che registra un generale aumento delle richieste di aiuto e di gravità dei casi, le risorse a sostegno dei centri antiviolenza rischiano di subire i tagli dovuti alla crisi: sostenere adeguatamente chi aiuta le vittime è il primo atto di responsabilità sociale da parte dei governi locali e nazionale. Inoltre, un intervento complessivo e integrato a sostegno delle donne che subiscono violenza e i/le loro figli/e  è l’obiettivo che i centri antiviolenza si sono posti da tempo: per questo  il Coordinamento dei Centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna intende proporre alla Regione Emilia-Romagna un Piano Regionale contro la violenza alle donne, che si raccordi al Piano Nazionale Antiviolenza che verrà annunciato domani dalla Ministra Mara Carfagna.

Si riportano di seguito i dati raccolti dalle varie associazioni appartenenti al Coordinamento dei Centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna.

Dati delle donne e dei minori accolti o ospitati a causa di violenze o maltrattamenti  dalle associazioni appartenenti al Coordinamento dei Centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna nel periodo dal 1° gennaio al 31 ottobre 2010

Dal 1° gennaio al 31 ottobre 2010 sono state 2.277 le donne vittime di violenza accolte nei centri antiviolenza aderenti al Coordinamento dell’Emilia-Romagna. Sul totale delle donne accolte, 1.461 sono di nazionalità italiana, mentre 809 di nazionalità straniera. Nelle case rifugio per donne vittime di violenza sono state ospitate  101 donne e altrettanti minori, per un totale di 202 ospiti. Rispetto allo scorso anno, i dati sono stabili.

 
Nome Centro
Donne accolte 2009 (nuove + dagli anni precedenti)
 
di cui: italiane
e straniere
Donne ospitate
Minori ospitate/i
Totale ospiti
 
1.       
Casa delle donne per non subire violenza onlus     Bologna
 
519
 
342
177
17
18
35
 
2.       
Sos Donna Onlus  Faenza
141
 
91
 
50
 
4
 
5
9
 
3.       
Centro Donna Giustizia Ferrara
262
 
174
 
88
 
13
 
12
25
 
4.       
Demetra – Donne in aiuto Lugo
 
74
44
30
6
7
13
 
5.       
Centro contro la violenza   Modena
 
244
132
112
8
4
12
 
6.       
Centro antiviolenza Parma
 
178
 
98
 
73
(n.r. 7)
 
17
43
 
7.       
Telefono Rosa Piacenza
 
129
 
86
 
43
 
2
3
5
 
8.       
Linearosa Ravenna
358
256
102
19
12
31
 
9.       
Nondasola Reggio Emilia
 
307
180
127
11
8
19
 
10.  
Rompilsilenzio Rimini
 
65
58
7
4
6
10
 
11.  
TOTALE
2.277
1.461
809
101
101
202
 

Elenco delle Associazioni del coordinamento
Casa delle Donne per non subire violenza di Bologna,  Associazione SOS Donna di Faenza, Centro Donna Giustizia di Ferrara, Associazione Rompi il Silenzio di Rimini, Associazione Demetra-Donne in Aiuto di Lugo,  Centro contro la violenza alle donne di Modena, Centro Antiviolenza di Parma, Città delle Donne di Piacenza, Associazione Linea Rosa di Ravenna e Associazione NondaSola di Reggio Emilia

Comunicato dell'Associazione SOS Donna
info@sosdonna.com
 

 

 

Associazione SOS Donna

Condividi su Facebook

Ritratti di donne

Leggi gli altri Ritratti di donne ->

Vuoi pubblicare articoli, news, comunicati su DonneInViaggio? Registrati

Se sei già registrata/o vai al Login

DonneInViaggio.com
Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere informata/o sugli aggiornamenti della rivista

News ed Eventi

Leggi altre news ed eventi ->

Libri

Leggi altre Libri ->

Info Rivista

Rivista a cura
dell'Associazione DonneInviaggio

Direttrice Editoriale: Mary Nicotra

Direttrice Responsabile: Elena Vaccarino

Registrazione Tribunale di Torino N° 5466 del 21.12.2000

Tutti i diritti riservati. E' proibita ogni riproduzione anche parziale di testi e immagini senza autorizzazione scritta.

Sito realizzato da: Maurizio Scarpino