[ Anno 19° - Mercoledì, 21 Agosto 2019 - 5:38 ]

27 Gennaio 2011

Nasce "DORA - Donne in Valle d'Aosta"

DORA è la Dora Baltea, è anche un omaggio alla femminista inglese Dora Marsden, è il "caso Dora" di Freud, è la Dora Markus di una delle più belle poesie di Eugenio Montale, è la pittrice inglese Dora Carrington ed è "Dora l'esploratrice", protagonista di un cartone animato giapponese che non soggiace agli stereotipi di genere.

Comunicato stampa che volentieri pubblichiamo
 
Giovedì 27 gennaio 2011, ore 21
CSV- via Xavier de Maistre, 19
AOSTA


Nasce "DORA - Donne in Valle d'Aosta"
 
Dopo due incontri preliminari, svoltisi nei mesi scorsi, che sono serviti a verificare l'esigenza di promuovere una nuova realtà associativa in risposta ai bisogni di partecipazione sociale e culturale delle donne valdostane, questa sera verrà costituita ad Aosta l'associazione no profit "Dora - Donne in Valle d'Aosta".
La nuova associazione si propone di "rendere visibili" le idee, le parole, i problemi e i bisogni delle donne della nostra regione, di mettere al centro la voglia di partecipazione attiva e propositiva che anima molte valdostane di età ed estrazione culturale e politica differente, di promuovere la cultura di genere e le pari opportunità attraverso iniziative di formazione e di informazione, manifestazioni pubbliche a carattere artistico e culturale, momenti di scambio e confronto tra generazioni di donne e tra donne e uomini.
 
Più in dettaglio, "Dora - Donne in Valle d'Aosta" intende:
 
·       promuovere, partecipare e sostenere iniziative rivolte alla crescita sociale, politica, economica e culturale delle donne e delle loro organizzazioni;
·        promuovere una cultura del rispetto delle donne e tra i generi;
·        promuovere il superamento delle diseguaglianze e la valorizzazione delle differenze;
·        promuovere, affermare e sostenere l’organizzazione politica autonoma delle donne;
·        sostenere in ogni ambito l’uguaglianza di opportunità e un’equa ripartizione delle risorse tra donne e uomini;
·        difendere e sostenere i diritti conquistati dalle donne nella famiglia, nella società, nella politica e promuoverne di nuovi;
·        valorizzare la presenza delle donne nel mondo del lavoro, tutelare i loro diritti in tale ambito e promuovere la realizzazione di condizioni di vita e di lavoro che favoriscano per le donne libere scelte per la loro vita;
·       sostenere programmi di cooperazione allo sviluppo sociale, culturale ed economico delle donne in contesti regionali, nazionali ed internazionali;
·       combattere ogni forma di discriminazione, di violenza e di molestie contro le donne in qualsiasi ambito vengano perpetrate;
·       offrire supporto e solidarietà alle donne che subiscono violenze, discriminazioni, molestie o siano soggette a persecuzioni derivanti dalla loro appartenenza di genere;
·       svolgere attività culturale, sociale e politica a sostegno dell’autodeterminazione delle donne rispetto al proprio corpo, alla maternità, alla sessualità e alle scelte di vita;
·        promuovere e difendere la salute e il benessere psicofisico delle donne;
·       promuovere, diffondere, sostenere e curare le elaborazioni intellettuali e le espressioni culturali e artistiche delle donne;
·       promuovere una cultura della convivenza laica, democratica, non violenta, interculturale,  rispettosa delle differenze e dell’ambiente e a sostegno della pace.
 
L'associazione "Dora - Donne in Valle d'Aosta", a cui potranno tesserarsi anche gli uomini in qualità di "simpatizzanti", nasce in un momento storico-sociale in cui le donne italiane si vedono duramente colpite dalla crisi economica internazionale, in cui la rappresentazione mediatica del corpo femminile troppo spesso offende le donne nella loro dignità, in cui permangono forme gravi di discriminazione tra i generi nel lavoro, nella politica e nella società, in cui la violenza contro le donne continua ad essere un fenomeno di proporzioni inaccettabili, un momento, quindi, in cui risulta più che mai necessario, anche nella nostra regione, pensare ad un'alleanza tra società civile e istituzioni per fare fronte comune contro il peggioramento di quanto un tempo veniva definita "condizione femminile".
 
Il nome scelto per la nuova associazione segnala la volontà di mettere in comunicazione il locale con il globale. DORA, infatti:
- è la Dora Baltea, il "nostro" fiume
- ma è anche un omaggio alla femminista inglese Dora Marsden, è il "caso Dora" di Freud, è la Dora Markus di una delle più belle poesie di Eugenio Montale, è la pittrice inglese Dora Carrington ed è "Dora l'esploratrice", protagonista di un cartone animato giapponese che non soggiace agli stereotipi di genere.


 

mn

Condividi su Facebook

Ritratti di donne

Leggi gli altri Ritratti di donne ->

Vuoi pubblicare articoli, news, comunicati su DonneInViaggio? Registrati

Se sei già registrata/o vai al Login

DonneInViaggio.com
Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere informata/o sugli aggiornamenti della rivista

Articoli

Leggi gli altri articoli ->

Libri

Leggi altre Libri ->

Info Rivista

Rivista a cura
dell'Associazione DonneInviaggio

Direttrice Editoriale: Mary Nicotra

Direttrice Responsabile: Elena Vaccarino

Registrazione Tribunale di Torino N° 5466 del 21.12.2000

Tutti i diritti riservati. E' proibita ogni riproduzione anche parziale di testi e immagini senza autorizzazione scritta.

Sito realizzato da: Maurizio Scarpino